Latest News About - Aeromonas

 
Show/hide duplicate news articles.
Filter by countryfromabout
<<10<12345678910>>>10
 
Show/hide duplicate news articles.
<<10<12345678910>>>10

Tools

Load latest edition

Wednesday, August 21, 2019

4:46:00 PM CEST

Subscribe
RSS | MAP

Language Selection

For any category/filter, users can choose:

  1. the language of the categorized news items (e.g. fr and de to display only those news items in French and German)
  2. the language of the user interface (e.g. it for Italian)

In Top Stories, the user can display the largest clusters of news items for one language only (e.g. en shows all clusters in English)

Country Selection

Users can choose:

  1. country mentioned in the news item (articles about a country)
  2. country in which the news item was published (articles from a country)

Languages Collapse menu...Expand menu...Open help...

Select your languages

ar
az
be
bg
bs
ca
cs
da
de
el
en
eo
es
et
fa
fi
fr
ga
ha
he
hi
hr
hu
hy
id
is
it
ja
ka
km
ko
ku
ky
lb
lo
lt
lv
mk
ml
mn
ms
mt
nl
no
pap
pl
ps
pt
ro
ru
rw
se
si
sk
sl
sq
sr
sv
sw
ta
th
tr
uk
ur
vi
zh
all
Show additional languagesHide additional languages

Interface:

Quotes... Extracted quotes

Daniel Frank said: "For the time being, no cases of sickness have been reported among people who have eaten carp, although we don't know the risks," External link

modernghana Friday, August 16, 2019 1:06:00 AM CEST

Daniel Frank said: "For the time being, no cases of sickness have been reported among people who have eaten carp, although we don't know the risks," External link

pulse Thursday, August 15, 2019 7:37:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo spiega: «Riconoscere il sesso nei rettili è una vera sfida perché, a differenza di quanto avviene nei mammiferi, le gonadi sono interne» «Esistono quindi tecniche specialistiche che possono essere applicate per la determinazione dei giovani rettili: ad esempio, sulle tartarughe immature si può fare cistoscopia , che consente di visualizzare le gonadi attraverso la parete sottile e trasparente della vescica» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo spiega: «Il contagio avviene in allevamento o l’agente patogeno può essere involontariamente trasmesso dal proprietario o da un nuovo animale introdotto nell’ambiente» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo spiega: «Il contagio avviene in allevamento o l’agente patogeno può essere involontariamente trasmesso dal proprietario o da un nuovo animale introdotto nell’ambiente» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo commenta: «L’acquisto vero e proprio del rettile dovrebbe essere solo l’ultimo passo di una lunghissima trafila di azioni che il proprietario dovrebbe aver intrapreso, dallo studio delle caratteristiche e necessità della specie all’organizzazione della gestione domestica» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo commenta: «L’acquisto vero e proprio del rettile dovrebbe essere solo l’ultimo passo di una lunghissima trafila di azioni che il proprietario dovrebbe aver intrapreso, dallo studio delle caratteristiche e necessità della specie all’organizzazione della gestione domestica» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo spiega: «Tra i rischi più grandi vi sono quelli dell’obesità e di molte altre malattie dovute alla sovra-alimentazione o all’alimentazione scorretta . In clinica vediamo comunemente diversi tipi di carenze vitaminiche; un’altra frequente condizione patologica è la malattia ossea metabolica , che determina fragilità ossea e alterazioni del sistema endocrino. È dovuta a uno scorretto apporto di calcio, fosforo e vitamina D, o a un’inadeguata esposizione ai raggi ultravioletti (da cui dipende il metabolismo della vitamina D). Colpisce prevalentemente le tartarughe e i sauri la cui dieta è basata su insetti e vegetali, perché i serpenti, di solito, assumono sufficiente calcio e vitamina D dall’alimentazione» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo spiega: «Tra i rischi più grandi vi sono quelli dell’obesità e di molte altre malattie dovute alla sovra-alimentazione o all’alimentazione scorretta . In clinica vediamo comunemente diversi tipi di carenze vitaminiche; un’altra frequente condizione patologica è la malattia ossea metabolica , che determina fragilità ossea e alterazioni del sistema endocrino. È dovuta a uno scorretto apporto di calcio, fosforo e vitamina D, o a un’inadeguata esposizione ai raggi ultravioletti (da cui dipende il metabolismo della vitamina D). Colpisce prevalentemente le tartarughe e i sauri la cui dieta è basata su insetti e vegetali, perché i serpenti, di solito, assumono sufficiente calcio e vitamina D dall’alimentazione» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo spiega: «I rettili sono ectotermi, per cui la temperatura del loro organismo dipende da quella dell’ambiente esterno. Per questa ragione, tendenzialmente hanno bisogno di un terrario che garantisca di mantenere l’ambiente alle condizioni adeguate di temperatura e umidità, sebbene vi siano anche specie che possono, se il clima della zona lo consente, vivere in strutture outdoor ed essere tenute in casa solo durante le stagioni più fredde» «Poiché ciascuna specie ha necessità differenti, gli strumenti per mantenere le condizioni adeguate vanno scelti in modo preciso: per alcuni saranno necessari i tappetini riscaldati, per altri le lampade a infrarossi o le lampade a raggi UV, e per altre ancora le lampade miste a infrarossi e UV. Uno scorretto mantenimento della temperatura e dell’umidità dell’ambiente può determinare l’insorgenza di malattie: ad esempio, nei sauri esposti a dosi troppo elevate di raggi UV è stata osservata l’insorgenza di neoplasie cutanee, mentre nelle specie deserticole un eccesso di umidità può determinare lo sviluppo di malattie respiratorie» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Nicola Di Girolamo conclude: «È sicuramente più difficile riconoscere lo stress e il malessere nei rettili rispetto a quanto avviene nei mammiferi. I proprietari devono quindi stare molto attenti a ogni cambiamento di abitudine dell’animale che possa essere indicativo di stress o di malattia» «Se si notano comportamenti alterati è necessario rivolgersi a un veterinario, e in particolare un veterinario specializzato in rettili, che possa valutare la situazione da un punto di vista specialistico e stabilire le misure da adottare» External link

oggiscienza Friday, July 19, 2019 4:14:00 PM CEST

Most associated names

Daily number of articles in this category

Trend data not available for this selection.

Most active sources for this category