Latest News About - Trichinella

 
Show/hide duplicate news articles.
Filter by countryfromabout
<<10<12345678910>>>10
 
Show/hide duplicate news articles.
<<10<12345678910>>>10

Tools

Load latest edition

Tuesday, August 21, 2018

11:32:00 PM CEST

Subscribe
RSS | MAP

Language Selection

For any category/filter, users can choose:

  1. the language of the categorized news items (e.g. fr and de to display only those news items in French and German)
  2. the language of the user interface (e.g. it for Italian)

In Top Stories, the user can display the largest clusters of news items for one language only (e.g. en shows all clusters in English)

Country Selection

Users can choose:

  1. country mentioned in the news item (articles about a country)
  2. country in which the news item was published (articles from a country)

Languages Collapse menu...Expand menu...Open help...

Select your languages

am
ar
az
be
bg
bs
ca
cs
da
de
el
en
eo
es
et
fa
fi
fr
ga
ha
he
hi
hr
hu
hy
id
is
it
ja
ka
km
ko
ku
ky
lb
lo
lt
lv
mk
ml
mt
nl
no
pap
pl
ps
pt
ro
ru
rw
se
si
sk
sl
sq
sr
sv
sw
ta
th
tr
uk
ur
vi
zh
all
Show additional languagesHide additional languages

Interface:

Most reported countries (24h)

Theme countries

AlertLevel (24h)

Alert level graph

 Previous 14 days average

Alert level:
 high   medium   low

Quotes... Extracted quotes

Luca Braia conclude (about Luca Braia): “La cattura, tra le strategie finalizzate a ridurre le densità della popolazione di cinghiale - prosegue l’assessore Braia - tra le tecniche di contenimento possibili e rese tutte operative con la possibilità di effettuare attività di controllo tutto l’anno, dopo l’approvazione avvenuta nei giorni scorsi del piano per il contenimento della presenza del cinghiale nelle aree protette della Basilicata da parte del Dipartimento Ambiente, è certamente la più efficace in rapporto allo sforzo profuso (rapporto ai costi-benefici) e che offre i migliori vantaggi dal punto di vista gestionale". "La Regione Basilicata - continua la nota - con questo provvedimento sistematizza e semplifica le fasi di gestione di capi e carcasse nelle fasi successive ad abbattimenti e catture al fine di garantire, per le carni di cinghiale, l’obbligo che tutti i capi abbattuti siano sottoposti al controllo per la ricerca delle trichine prima di essere destinati al consumo. Grazie al lavoro congiunto per arrivare alla definizione con il dott. Gerardo Salvatore dell’ufficio Veterinario e Igiene degli alimenti del Dipartimento Politiche della Persona, che ringrazio per il lavoro svolto, abbiamo oggi le linee guida per lo spostamento dei cinghiali catturati e per la destinazione delle carni dei cinghiali abbattuti. Vengono definiti gli adempimenti che gli Enti Parco, gli Ambiti territoriali di caccia (Atc) e i Servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali devono assicurare sui cinghiali selvatici, al fine di monitorare lo stato sanitario della popolazione animale e, nel contempo, assicurare il garantire la salubrità delle carni e dei prodotti derivati. Vengono altresì definite le procedure operative che i Servizi Veterinari delle Aziende sanitarie della Regione Basilicata, gli Enti Parco, gli Enti gestori di strutture di cattura (Regione-Province-Atc) e i privati coinvolti devono rispettare dal momento della cattura dei cinghiali sino alla loro destinazione finale, prevista in Aziende agri-turistico-venatorie, allevamento o impianto di macellazione, al fine di arrivare al consumatore come prodotto del gusto lucano sicuro da ogni punto di vista". "Tutti i cinghiali abbattuti, nell’ambito delle modalità previste da norma, prima di qualunque trasferimento presso gli impianti di macellazione, Aziende agri-turistico-venatorie o allevamenti di fauna selvatica, vanno identificati, e fascettati con i sigilli identificativi forniti dagli Enti Parco/Atc - continua Braia - Il campione delle parti di muscolo diaframmatico prelevato va conferito direttamente o per il tramite del Servizio Veterinario dell’Asl, all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per territorio o ad altro laboratorio autorizzato per la ricerca di trichinella, senza costi per il cacciatore o il selecontrollore come da convenzione stipulata da questo Assessorato con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata. Selecontrollori e cacciatori hanno l’obbligo di partecipare ai corsi di formazione appositi, con relativo esame finale. I cinghiali possono essere inviati, vivi, in allevamenti autorizzati presenti nel territorio della Regione Basilicata. I cinghiali catturati possono essere movimentati dai chiusini di cattura previa identificazione, ove possibile, e verso impianti autorizzati, per essere in seguito macellati. Vanno - in tutti i casi - rispettate le regole per la preparazione, manipolazione e conservazione domestica delle carni, in caso di autoconsumo e per quelle destinate alla commercializzazione solo attraverso centri di lavorazione riconosciuti". "Definite, infine, sempre nelle linee guida - (\*) - anche le modalità di somministrazione delle carni di cinghiale, previo controllo trichinella, per gli esercizi di ristorazione, aprendo ad alcune possibilità che potrebbero aprire a occasioni di valorizzazione e promozione del consumo di Cinghiale lucano” External link

italpress Friday, August 10, 2018 4:07:00 PM CEST

Luca Braia continua: “La cattura, tra le strategie finalizzate a ridurre le densità della popolazione di cinghiale - prosegue l’assessore Braia - tra le tecniche di contenimento possibili e rese tutte operative con la possibilità di effettuare attività di controllo tutto l’anno, dopo l’approvazione avvenuta nei giorni scorsi del piano per il contenimento della presenza del cinghiale nelle aree protette della Basilicata da parte del Dipartimento Ambiente, è certamente la più efficace in rapporto allo sforzo profuso (rapporto ai costi-benefici) e che offre i migliori vantaggi dal punto di vista gestionale". "La Regione Basilicata - continua la nota - con questo provvedimento sistematizza e semplifica le fasi di gestione di capi e carcasse nelle fasi successive ad abbattimenti e catture al fine di garantire, per le carni di cinghiale, l’obbligo che tutti i capi abbattuti siano sottoposti al controllo per la ricerca delle trichine prima di essere destinati al consumo. Grazie al lavoro congiunto per arrivare alla definizione con il dott. Gerardo Salvatore dell’ufficio Veterinario e Igiene degli alimenti del Dipartimento Politiche della Persona, che ringrazio per il lavoro svolto, abbiamo oggi le linee guida per lo spostamento dei cinghiali catturati e per la destinazione delle carni dei cinghiali abbattuti. Vengono definiti gli adempimenti che gli Enti Parco, gli Ambiti territoriali di caccia (Atc) e i Servizi veterinari delle Aziende sanitarie locali devono assicurare sui cinghiali selvatici, al fine di monitorare lo stato sanitario della popolazione animale e, nel contempo, assicurare il garantire la salubrità delle carni e dei prodotti derivati. Vengono altresì definite le procedure operative che i Servizi Veterinari delle Aziende sanitarie della Regione Basilicata, gli Enti Parco, gli Enti gestori di strutture di cattura (Regione-Province-Atc) e i privati coinvolti devono rispettare dal momento della cattura dei cinghiali sino alla loro destinazione finale, prevista in Aziende agri-turistico-venatorie, allevamento o impianto di macellazione, al fine di arrivare al consumatore come prodotto del gusto lucano sicuro da ogni punto di vista". "Tutti i cinghiali abbattuti, nell’ambito delle modalità previste da norma, prima di qualunque trasferimento presso gli impianti di macellazione, Aziende agri-turistico-venatorie o allevamenti di fauna selvatica, vanno identificati, e fascettati con i sigilli identificativi forniti dagli Enti Parco/Atc - (\*) - Il campione delle parti di muscolo diaframmatico prelevato va conferito direttamente o per il tramite del Servizio Veterinario dell’Asl, all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale competente per territorio o ad altro laboratorio autorizzato per la ricerca di trichinella, senza costi per il cacciatore o il selecontrollore come da convenzione stipulata da questo Assessorato con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata. Selecontrollori e cacciatori hanno l’obbligo di partecipare ai corsi di formazione appositi, con relativo esame finale. I cinghiali possono essere inviati, vivi, in allevamenti autorizzati presenti nel territorio della Regione Basilicata. I cinghiali catturati possono essere movimentati dai chiusini di cattura previa identificazione, ove possibile, e verso impianti autorizzati, per essere in seguito macellati. Vanno - in tutti i casi - rispettate le regole per la preparazione, manipolazione e conservazione domestica delle carni, in caso di autoconsumo e per quelle destinate alla commercializzazione solo attraverso centri di lavorazione riconosciuti". "Definite, infine, sempre nelle linee guida - conclude Braia - anche le modalità di somministrazione delle carni di cinghiale, previo controllo trichinella, per gli esercizi di ristorazione, aprendo ad alcune possibilità che potrebbero aprire a occasioni di valorizzazione e promozione del consumo di Cinghiale lucano” External link

italpress Friday, August 10, 2018 4:07:00 PM CEST

Alessandro De Martini concluso (about Alessandro De Martini): «L’elemento positivo, che rende onore agli imprenditori sardi del settore, è il forte rispetto delle regole e la garanzia di eccellenza assicurata a turisti e ospiti che possono consumare carni sicure, certificate e di salubrità indiscussa – ha detto il responsabile dell’UdP e direttore generale della presidenza della Regione, Alessandro De Martini -. È vero che il virus della PSA non è trasmissibile all’uomo, ma alcune parassitosi quali la Trichinella o patogeni come Salmonelle, Leptospirosi e altri possono danneggiare la salute dei cittadini. Gli imprenditori agrituristici hanno ben chiaro che l’unico modo per assicurare un futuro alle proprie attività passa sempre di più dal rispetto delle norme sulla somministrazione di cibi e alimenti, elemento fondamentale per garantire una filiera agroalimentare su cui la Sardegna ha ancora tanto da offrire in termini di qualità e tipicità. Questi controlli straordinari – (\*) – sono aggiuntivi rispetto a quelli ordinari svolti dai Servizi territoriali e si inseriscono nelle azioni complessive che puntano all’eradicazione della PSA in Sardegna.» External link

247libero Monday, August 6, 2018 6:26:00 PM CEST

Most associated names

Daily number of articles in this category

Trend data not available for this selection.