Latest News About - Seafloor Ecosystems Damaging

 
Show/hide duplicate news articles.
Filter by countryfromabout
<<10<12345678910>>>10
 
Show/hide duplicate news articles.
<<10<12345678910>>>10

Tools

Load latest edition

Tuesday, March 26, 2019

3:05:00 AM CET

Subscribe
RSS | MAP

Language Selection

For any category/filter, users can choose:

  1. the language of the categorized news items (e.g. fr and de to display only those news items in French and German)
  2. the language of the user interface (e.g. it for Italian)

In Top Stories, the user can display the largest clusters of news items for one language only (e.g. en shows all clusters in English)

Country Selection

Users can choose:

  1. country mentioned in the news item (articles about a country)
  2. country in which the news item was published (articles from a country)

Languages Collapse menu...Expand menu...Open help...

Select your languages

ar
az
be
bg
bs
ca
cs
da
de
el
en
eo
es
et
fa
fi
fr
ga
ha
he
hi
hr
hu
hy
id
is
it
ja
ka
km
ko
ku
ky
lb
lo
lt
lv
mk
ml
mn
ms
mt
nl
no
pap
pl
ps
pt
ro
ru
rw
se
si
sk
sl
sq
sr
sv
sw
ta
th
tr
uk
ur
vi
zh
all
Show additional languagesHide additional languages

Interface:

Quotes... Extracted quotes

Luciano Manna spiega: «I clienti cinesi possono contare sull’organizzazione di diversi loro connazionali ben radicati nel territorio tarantino e che ancora oggi conducono traffici illeciti che puntano alla commercializzazione di oloturie e cavallucci marini. Queste specie sono molto richieste dal mercato della ristorazione asiatica: le oloturie, comunemente dette “cetrioli di mare”, verso il mercato di Hong Kong sono utilizzate per uso alimentare, medico e nel settore della cosmesi mentre i cavallucci marini vengono utilizzati nella produzione di un particolare liquore: il cavalluccio marino dopo essere stato posto dentro una bottiglia viene lasciato a macerare nell’alcool» External link

greenreport Monday, March 4, 2019 7:23:00 AM CET

Luciano Manna spiega: «Nella chat on line viaggia la reperibilità dei fornitori che contatta i propri clienti con tanto di indicazione dell’username da contattare per gli acquisti. Verso il mercato cinese viaggiano oloturie e cavallucci marini che vengono pescati nel mar Piccolo e nel mar Grande di Taranto provocando, così, un grave danno ambientale al nostro ecosistema marino. Un vero e proprio ecoreato. Nelle fotografie è possibile notare l’accuratezza nella presentazione del prodotto che viene mostrato in eleganti cadeaux dove sono ben indicate provenienza geografica per attestarne qualità e prestigio così come avviene in una vera e propria filiera certificata. Negli ideogrammi cinesi, ad esempio, oltre ai nomi dei prodotti, si legge la parola “Italia, Mediterraneo”» External link

greenreport Monday, March 4, 2019 7:23:00 AM CET

Luciano Manna spiega: «I clienti cinesi possono contare sull’organizzazione di diversi loro connazionali ben radicati nel territorio tarantino e che ancora oggi conducono traffici illeciti che puntano alla commercializzazione di oloturie e cavallucci marini. Queste specie sono molto richieste dal mercato della ristorazione asiatica: le oloturie, comunemente dette “cetrioli di mare”, verso il mercato di Hong Kong sono utilizzate per uso alimentare, medico e nel settore della cosmesi mentre i cavallucci marini vengono utilizzati nella produzione di un particolare liquore: il cavalluccio marino dopo essere stato posto dentro una bottiglia viene lasciato a macerare nell’alcool» External link

greenreport Monday, March 4, 2019 7:23:00 AM CET

Donatella Bianchi aggiunge: “I subacquei, che siano semplici appassionati di snorkeling, sportivi o professionisti, hanno la fortuna di poter ammirare questo mondo durante le loro immersioni: sono loro i testimoni diretti e quindi i custodi della sua bellezza ma anche della fragiltà e del degrado. Possono quindi svolgere quel compito fondamentale che oggi la conservazione ha inserito tra gli strumenti di ingaggio dei cittadini, ovvero, la citizen science - (\*) - La creazione di WWF SUB è un nostro ulteriore contributo al rispetto di uno degli obiettivi di sviluppo posti dall’ONU (SDG 14-conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine per lo sviluppo sostenibile)” External link

247libero Sunday, March 3, 2019 9:53:00 AM CET

Donatella Bianchi aggiunge: “I subacquei, che siano semplici appassionati di snorkeling, sportivi o professionisti, hanno la fortuna di poter ammirare questo mondo durante le loro immersioni: sono loro i testimoni diretti e quindi i custodi della sua bellezza ma anche della fragiltà e del degrado. Possono quindi svolgere quel compito fondamentale che oggi la conservazione ha inserito tra gli strumenti di ingaggio dei cittadini, ovvero, la citizen science – (\*) – La creazione di WWF SUB è un nostro ulteriore contributo al rispetto di uno degli obiettivi di sviluppo posti dall’ONU (SDG 14-conservare e utilizzare in modo sostenibile gli oceani, i mari e le risorse marine per lo sviluppo sostenibile)” External link

meteoweb Saturday, March 2, 2019 11:46:00 AM CET

Rashid Sumaila conclude: «Un rifornimento costante di pesce è essenziale per sostenere questi posti di lavoro, la sovranità alimentare e il benessere umano. L’adattamento agli attuali effetti dei cambiamenti climatici e l’attuazione dell’Accordo di Parigi sono fondamentali per il futuro della pesca oceanica del pianeta, affrontando al contempo le crescenti sfide per sostenere società sane e pacifiche in futuro» External link

greenreport Friday, March 1, 2019 12:23:00 PM CET

Salvatore Micillo dice: “Nella nostra azione di Governo - (\*) - è centrale e trasversale la tutela dell'ambiente marino, tra le mie deleghe di sottosegretario. Porre rimedio alle lacune normative sull’impatto ambientale dei reflui derivanti dalla dissalazione delle acque è senza dubbio una delle urgenze, da affrontare con l'introduzione di eventuali limiti e con la definizione dei criteri della valutazione degli effetti sull'ecosistema. Un vuoto normativo che si ripresenta anche a livello comunitario, dove le problematiche legate alla dissalazione non hanno trovato asilo nelle diverse direttive, in primis la 2008/56/CE, la direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino” External link

adnkronos Tuesday, February 26, 2019 3:20:00 PM CET

Alfonso Pecoraro sottolinea: "da una parte, affinché si possa contemperare il diritto all’acqua potabile di qualità da parte dei cittadini, dall'altra l’esigenza di tutela della risorsa mare è fondamentale per la difesa degli habitat marini" External link

adnkronos Tuesday, February 26, 2019 3:20:00 PM CET

Alfonso Pecoraro Scanio sottolinea: "da una parte, affinché si possa contemperare il diritto all’acqua potabile di qualità da parte dei cittadini, dall'altra l’esigenza di tutela della risorsa mare è fondamentale per la difesa degli habitat marini" External link

adnkronos Tuesday, February 26, 2019 3:20:00 PM CET

Claudio Lombardo conclude: “Purtroppo l’ignoranza è dura da modificare: i pescatori non capiscono che questa attività sottrae il pesce adulto al mare ed alla fine danneggia soprattutto loro. Per fortuna – (\*) – sul posto è intervenuta la Guardia Costiera che ha bloccando i trasgressori, sequestrando le reti e comminando grossi verbali” External link

247libero Wednesday, January 23, 2019 7:41:00 AM CET

Angelo Gentili conclude: «L’auspicio – (\*) – è che gli enti preposti rivedano il progetto al fine di eliminare ogni genere di criticità. Obiettivo principale, dunque, è quello di rendere pressoché nulle le ripercussioni sull’ecosistema marino e sulla costa. E se l’impatto ambientale ci preoccupa non poco, ad allarmarci sono anche le ripercussioni sull’economia del territorio. L’indotto turistico, ad esempio, potrebbe risentire non poco di una simile opera come, del resto, a pagarne le conseguenze potrebbe essere tutto il comparto economico già esistente legato, appunto, alla pesca. Ci auguriamo, quindi, che chi di dovere decida di fare un passo indietro e riveda le proprie posizioni in merito ad un progetto che in questi termini potrebbe mettere a rischio l’intera area» External link

ilgiunco Tuesday, November 13, 2018 1:00:00 PM CET

Sergio Costa : “Dimostrata la nostra capacità di intervento in caso di emergenza” External link

agenparl Saturday, October 20, 2018 9:59:00 AM CEST

Sergio Costa afferma: “Il Ministero dell’Ambiente – (\*) – attraverso la propria struttura dedicata alle emergenze ambientali in mare, sempre reperibile, già dalla mattina di domenica ha immediatamente risposto alla richiesta francese di aiuto, fatta con l’attivazione del Piano antinquinamento RAMOGEPol, inviando quattro navi della flotta disinquinante nazionale, specializzate nelle attività di contenimento e raccolta del prodotto petrolifero in mare, che hanno contribuito in maniera rilevante a recuperare circa 280 metri cubi di prodotto petrolifero sversato. Raccogliendo le nostre preoccupazioni e sollecitazioni anche la Guardia Costiera si è prontamente attivata con tutte le componenti specialistiche del Corpo per affrontare insieme l’emergenza in un’area di particolare sensibilità ambientale come quella del Santuario dei Cetacei-Pelagos” External link

agenparl Saturday, October 20, 2018 9:59:00 AM CEST

Sergio Costa aggiunge (about La Nave): “Gli interventi tempestivi – (\*) – hanno fatto tesoro dell’esercitazione antinquinamento RAMOGEPol 2018 svoltasi meno di un mese fa nell’Arcipelago de La Maddalena, una simulazione internazionale finalizzata alla risposta in caso di inquinamento da idrocarburi in mare, alla quale ho preso parte. Già in quella occasione abbiamo testato le nostre capacità e le operazioni di questi giorni hanno confermato l’ottimale livello di operatività congiunta sia nazionale sia internazionale. Il mio plauso, dunque, e il mio ringraziamento va sia al personale del mio Dicastero che alla Guardia Costiera, la cui professionalità ha permesso di lavorare in un clima di serena sinergia” External link

agenparl Saturday, October 20, 2018 9:59:00 AM CEST

Sergio Costa sottolineato (about Sergio Costa): «Il ministero dell’mbiente, attraverso la propria struttura dedicata alle emergenze ambientali in mare, sempre reperibile, già dalla mattina di domenica ha immediatamente risposto alla richiesta francese di aiuto, fatta con l’attivazione del Piano antinquinamento RamogePol, inviando quattro navi della flotta disinquinante nazionale, specializzate nelle attività di contenimento e raccolta del prodotto petrolifero in mare, che hanno contribuito in maniera rilevante a recuperare circa 280 metri cubi di prodotto petrolifero sversato. Raccogliendo le nostre preoccupazioni e sollecitazioni anche la Guardia Costiera si è prontamente attivata con tutte le componenti specialistiche del Corpo per affrontare insieme l’emergenza in un’area di particolare sensibilità ambientale come quella del Santuario dei Cetacei-Pelagos. Gli interventi tempestivi – aggiunge il ministro Costa – hanno fatto tesoro dell’esercitazione antinquinamento RamogePol 2018 svoltasi meno di un mese fa nell’Arcipelago de La Maddalena, una simulazione internazionale finalizzata alla risposta in caso di inquinamento da idrocarburi in mare, alla quale ho preso parte. Già in quella occasione abbiamo testato le nostre capacità e le operazioni di questi giorni hanno confermato l’ottimale livello di operatività congiunta sia nazionale sia internazionale. Il mio plauso, dunque, e il mio ringraziamento va sia al personale del mio Dicastero che alla Guardia Costiera, la cui professionalità ha permesso di lavorare in un clima di serena sinergia» External link

greenreport Friday, October 19, 2018 5:37:00 PM CEST

Sergio Costa aggiunge: «Il ministero dell’mbiente, attraverso la propria struttura dedicata alle emergenze ambientali in mare, sempre reperibile, già dalla mattina di domenica ha immediatamente risposto alla richiesta francese di aiuto, fatta con l’attivazione del Piano antinquinamento RamogePol, inviando quattro navi della flotta disinquinante nazionale, specializzate nelle attività di contenimento e raccolta del prodotto petrolifero in mare, che hanno contribuito in maniera rilevante a recuperare circa 280 metri cubi di prodotto petrolifero sversato. Raccogliendo le nostre preoccupazioni e sollecitazioni anche la Guardia Costiera si è prontamente attivata con tutte le componenti specialistiche del Corpo per affrontare insieme l’emergenza in un’area di particolare sensibilità ambientale come quella del Santuario dei Cetacei-Pelagos. Gli interventi tempestivi – (\*) – hanno fatto tesoro dell’esercitazione antinquinamento RamogePol 2018 svoltasi meno di un mese fa nell’Arcipelago de La Maddalena, una simulazione internazionale finalizzata alla risposta in caso di inquinamento da idrocarburi in mare, alla quale ho preso parte. Già in quella occasione abbiamo testato le nostre capacità e le operazioni di questi giorni hanno confermato l’ottimale livello di operatività congiunta sia nazionale sia internazionale. Il mio plauso, dunque, e il mio ringraziamento va sia al personale del mio Dicastero che alla Guardia Costiera, la cui professionalità ha permesso di lavorare in un clima di serena sinergia» External link

greenreport Friday, October 19, 2018 5:37:00 PM CEST

Robert Wood said: "This low-power, glove-controlled soft robot was designed with the future marine biologist in mind, who will be able to conduct science well beyond the limits of SCUBA and with a comparable or better means than a via a human diver," External link

sciencedaily Wednesday, October 3, 2018 5:15:00 PM CEST

Donald Ingber said: "The Wyss Institute's goal is to get scientific discoveries out of the lab and into the world, but sometimes we have to figure out how to modify the scientific laboratory itself so that it can be moved out of academia in order to be able to probe real-world environments. This research marks the beginning of that possibility for the deep sea, and the advances they describe could have much broader value, even for medical and surgical applications," External link

sciencedaily Wednesday, October 3, 2018 5:15:00 PM CEST

Robert Wood said: "This low-power, glove-controlled soft robot was designed with the future marine biologist in mind, who will be able to conduct science well beyond the limits of SCUBA and with a comparable or better means than a via a human diver," External link

eurekalert Wednesday, October 3, 2018 11:43:00 AM CEST

Donald Ingber said: "The Wyss Institute's goal is to get scientific discoveries out of the lab and into the world, but sometimes we have to figure out how to modify the scientific laboratory itself so that it can be moved out of academia in order to be able to probe real-world environments. This research marks the beginning of that possibility for the deep sea, and the advances they describe could have much broader value, even for medical and surgical applications," External link

eurekalert Wednesday, October 3, 2018 11:43:00 AM CEST

Daily number of articles in this category

Trend data not available for this selection.